L'Extended Essay alla ISD: le scelte comportano delle sfide

Cover article
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Come parte dell'IB Diploma Programme (DP), agli studenti è richiesto di intraprendere un progetto di ricerca auto-diretto, che culmina in un saggio di 4.000 parole. Il "saggio esteso" prepara gli studenti al rigore dello studio universitario, dotandoli di importanti capacità di ricerca, scrittura e gestione del tempo.
L'argomento specifico, che può essere scelto dallo studente, è legato a uno dei loro sei corsi DP. Anche se gli argomenti che scelgono sono incredibilmente vari, molti degli studenti affrontano sfide simili mentre progettano ed eseguono questo progetto accademicamente impegnativo.

Ci siamo seduti con cinque studenti dell'ISD di grado 12 per conoscere i loro argomenti di saggio esteso e per sentire i loro pensieri sulle sfide che hanno incontrato.


Maxi (Teatro)
Supervisore: Kate Olsson
My extended essay was about theatre. I was looking at how a particular director – in this case, Robert Wilson – uses lighting in his productions. I chose Robert Wilson because he’s well-known for the way he uses sound and lighting to create an immersive atmosphere. Also, at the same time as I was doing my extended essay, there was a show in the Düsseldorfer Schauspielhaus called ​Der​ ​Sandman – that piece was directed by him. Seeing that production definitely helped me explain his theories and concepts. My research has helped me to understand the intentions behind certain usages of lighting and sound and how these can be used to help audiences draw meaning from a theatrical piece.
Penso che la più grande sfida di questo progetto sia stata rimanere concentrati. So anche da altre persone che questo è stato un problema comune per il saggio esteso. Sei motivato all'inizio e poi altre cose si mettono in mezzo.


Moritz (scienze umane)
Supervisore: Susan Bevington
Ho studiato come gli atleti afroamericani sono stati coinvolti nel movimento per i diritti civili negli Stati Uniti tra il 1960 e il 1972. Sono molto interessato al pugilato e ho sempre ammirato Muhammed Ali, anche prima di entrare nella boxe. Approfondendo l'argomento mi sono imbattuto in nomi come Tommie Smith e John Carlos, che furono gli atleti che usarono il saluto del potere nero durante le Olimpiadi del 1968. Ho pensato che questo sarebbe stato un buon argomento per un saggio esteso.
La sfida più grande è stata sicuramente il tempo. Ho impiegato molto tempo all'inizio per pianificare tutto e intraprendere ricerche dettagliate, ma non mi pento del tempo che ho passato a pianificare. Mi ha aiutato molto quando si è trattato di scrivere il mio saggio.


Stacey (inglese)
Supervisore: Amy Williams / Fiona Gürtler
For my extended essay I examined how Virginia Woolf uses physical space to portray the isolation of two main characters in ​Mrs Dalloway​. Virginia Woolf wrote an essay called ​A Room of One’s Own​, where she uses the room as a metaphor for female oppression and sexuality, so that’s where I found the connection. I didn’t notice anything in particular about physical space when I first read ​Mrs Dalloway​, but as I read it again with those reflections in mind, I saw how many subtleties there were.
Non ho iniziato con quell'argomento. Ho dovuto restringere un po' il campo e penso che sia qualcosa che la maggior parte degli studenti fa. La tua domanda deve essere molto specifica. Sono uno scrittore piuttosto prolisso - mi piace partire per la tangente. Quando ho scritto per la prima volta il mio saggio era quasi il doppio del limite di parole. Da quel momento in poi si è trattato di distillare ulteriormente l'argomento per renderlo succinto e mirato.


Alessandro (Fisica)
Supervisore: Kevin Collins
Più tardi mi piacerebbe studiare ingegneria aerospaziale, quindi la fisica era la scelta più ovvia per il mio saggio esteso. Ho deciso di studiare i fattori che influenzano la stabilità passiva dei razzi. Mi sono concentrato soprattutto sulle posizioni del centro di massa e della pressione e su come questo influenza la stabilità generale del sistema. La parte difficile è stata cercare di capire come misurare la stabilità del razzo. Puoi capire che se lanci un razzo e questo si rovescia, allora sicuramente non è stabile, ma come fai a quantificarlo? Ho sviluppato un modello per imitare la vita reale, con eliche e modelli elettrici in alto per simulare la velocità del vento intorno al razzo e quattro sensori in basso che misurano la tendenza a muoversi.
La sfida più grande è stata trovare la metodologia che mi avrebbe permesso di ottenere i dati di cui avevo bisogno. All'inizio avevo un'idea generale di come sarebbe stata l'impostazione, ma ho dovuto svilupparla lungo la strada e risolvere piccoli problemi. La parte di ricerca è stata relativamente facile perché ci sono molte risorse disponibili.


Florian (Fisica)
Supervisore: Kevin Collins
Ho progettato e realizzato un motore elettrico. È stato un processo abbastanza lungo. Ho iniziato con un sistema rotante orizzontale, che non è l'ideale perché la gravità agisce su di esso, quindi ho fatto tutti i tipi di miglioramenti fino a quando è diventato un buon prodotto. Si è davvero evoluto, ma c'è ancora un po' da fare per perfezionare il design. Affrontando alcuni dei problemi di 'qualità della vita' del motore, penso che potrebbe essere eccellente.
La sfida più grande è stata iniziare, onestamente. Stavo per partire per una gita al CAS nell'ultima settimana dell'undicesima classe e dovevo dimostrare che il mio motore funzionava, altrimenti avrei dovuto cambiare argomento. Così il venerdì precedente, ho dovuto cambiare il progetto e stampare il modello durante la notte, poi passare sabato e domenica cercando di far funzionare il motore. Ha funzionato bene e girava ad una velocità moderata. Ho quasi la sensazione che quando sono sotto stress produco un lavoro di migliore qualità.

Scritto da

Scuola internazionale di Düsseldorf

International School of Düsseldorf

Fondata nel 1968, la Scuola Internazionale di Düsseldorf è una scuola diurna indipendente e co-educativa senza scopo di lucro, situata nel cuore della comunità internazionale di Kaiserswerth. Grazie al nostro status no-profit, tutte le nostre entrate vengono investite nuovamente nella scuola per il beneficio dei nostri studenti.