Pausa con scopo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

This piece starts with a pause. For ten or fifteen minutes I sat at my desk, looking across the room and out the window, thinking about how to tell you what’s so great about a pause. Maybe you already know. Most of us pause intuitively throughout the day – often in the middle of a task or conversation, when our brains need a moment to absorb information, problem solve or respond. And though we might not think too much about those in between moments, pauses are an important part of the learning process. That is why teachers use pauses in their practice. 

Insegnante di informatica Joyce Pereira riconosce il valore di una pausa. Durante le lezioni, ricorda ai suoi studenti delle superiori che una pausa avviene quando il cervello sta imparando qualcosa di nuovo o ampliando ciò che si conosce. Ma fare una pausa può richiedere pratica.

Alcuni anni fa, l'insegnante di francese della scuola media Kim Plamandon ha iniziato a pensare a ciò di cui la sua mente e il suo corpo hanno bisogno durante una giornata di insegnamento e apprendimento. Essendo un introverso, Kim si chiedeva come poteva contrastare l'intensità dell'interazione sociale che una normale giornata scolastica comprende. Anche sua figlia era curiosa. Insieme hanno trovato un paio di strategie, come camminare su un sentiero in collina invece che sul ciglio della strada. Kim si sentiva meglio quando costruiva piccole pause nella sua giornata. Ha deciso di portare la pratica nella sua classe e ora apre ogni classe con tre minuti di quiete, accompagnati da una musica calma. Questi minuti aiutano gli studenti a radicare le loro menti e i loro corpi nel presente e a trovare la concentrazione per la lezione successiva. Kim crede che la pausa sia un'abilità essenziale e che, sebbene questi momenti di quiete siano diversi per gli individui, il punto è di inserire delle pause in ogni giornata.

Like brain breaks! Returning to Joyce’s classroom, and many others, the pause is a strategic part of the teaching and learning process. But again, sometimes you need to practice. Joyce times a two minute pause to help students absorb a load of information, trusting that uninterrupted quiet allows their brains to make connections and formulate new questions. Teachers might also redirect a class to stand up, practice breathing, stretch, walk and talk, or even dance. Again, the momentary time away from new material or a task gives the brain opportunity to do its work.

Preside della scuola media Jim Slaid dice che questa pandemia insegna il valore della pausa prima di prendere una decisione. Dai a te stesso e agli altri il permesso di allontanarsi da un problema. La tua mente rimugina le possibilità mentre si riposa dal perseguire attivamente una risposta. Nella scuola elementare, il consulente Kelli Sureck empowers students to manage their reactions to challenging situations. She teaches students to pause and check in with their thoughts using Conscious Discipline’s STAR song – smile, take a breath and relax – or as Kelli sings: stop, take a deep breath, then go. Kelli also encourages students to tick through the THINK acronym to answer if a thought, word or action is truthful, helpful, inclusive, necessary, or kind.

Il trucco è la pazienza. Insegnante di seconda elementare Joshua Johnson counts to himself when he creates a pause during instruction or to signal a transition. Secondary music teacher Emily Ebrecht adds a pause between pieces to give student musicians a chance to prepare for a new tempo. By incorporating pauses on purpose, teachers model what the mind and body needs to learn and transition between tasks. 

Questo pezzo si è aperto con una pausa, quindi chiudiamo anche noi con una pausa. Mentre attraversate la vostra giornata, fate una pausa. Di proposito e con uno scopo. 

Per un breve sguardo alla neuroscienza delle pause cerebrali, iniziate con l'articolo di Edutopia "Using Brain Breaks to Restore Students' Focus" di Judy Willis. 

Scritto da

Scuola internazionale di Corea

Korea International School

Korea International School (KIS) is a private, proprietary, non-profit, nonsectarian school. KIS offers a fully WASC (Western Association of Schools and Colleges)-accredited PK-12. As a high-performing college preparatory school, we deliver a comprehensive education in humanities, world languages, engineering, arts, math, and science using both traditional and innovative teaching practices, with an emphasis on providing internationally minded applied learning opportunities.